IL RAPPORTO MITROKHIN

Cap. I

 

RAGGRUPPAMENTO OPERATIVO SPECIALE CARABINIERI

REPARTO ANTI EVERSIONE

N. 556/6 di prot.

OGGETTO: Acquisizione delegata presso il SISMI

Proc. pen. N. 4340/99N

ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA GIÀ PROCURA DELLA REPUBBLICA
PRESSO IL TRIBUNALE DI ROMA

Si trasmette il materiale documentale prodotto dal SISMI in data 08/10/1999, contenuto in tre plichi sigillati allegati alla presente e specificati nell'annesso verbale di acquisizione.

I plichi, sigillati al termine della acquisizione sono stati custoditi, sino alla attuale consegna a codesta A.G., nella cassaforte di questo Reparto.

Non è stata estratta copia.

Il Maggiore

comandate del Reparto

RAGGRUPPAMENTO OPERATIVO SPECIALE CARABINIERI

REPARTO ANTI-EVERSIONE

Verbale di acquisizione documentale ex art. 256 c.p.p.

L'anno 1999, addì 8 del mese di ottobre, alle ore 20.00 nei competenti uffici del SISMI innanzi ai sottoscritti Magg. CC. Paolo SCRICCIA Comandante del Reparto Anti-Eversione del R.O.S. CC, e Mar. Capo CC Gianfranco BOTTICELLI del medesimo Reparto, è presente il dottor Guido GRASSI - funzionario incaricato dal Direttore del Servizio - che, a nome e per conto del Direttore medesimo, in relazione alla richiesta - inerente il p.p. 4340/99 N. R.G. - pervenuta per le v.b. in data odierna, dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di ROMA, consegna, così come pervenute dalla competente articolazione del Servizio, le traduzioni dalla lingua inglese a quella italiana di 227 dei 261 "reports" acquisiti con verbale del 6 ottobre 1999 ad eccezione di quelli contrassegnati nell'elenco allegato al predetto verbale con i numeri 007, 015, 025, 030, 045, 047, 069, 070, 074, 079, 080, 081, 089, 095, 097, 099, 100, 119, 122, 124, 125, 126, 127, 128, 130, 131, 132, 134, 144, 145, 182, 197, 221, 249. Del report di cui al numero 152 del citato elenco viene consegnato unicamente il frontespizio, in quanto il rapporto vero e proprio, costituito da n. 141 pagine, non è stato tradotto, trattandosi di vocabolario.

Si dà atto di aver proceduto al riscontro di uniformità delle date e degli oggetti tra le 227 traduzioni in italiano ora consegnate e le corrispondenti copie in inglese acquisite con il precedente verbale ed ivi elencate. Nelle traduzioni degli atti dal numero 255 al numero 261 compresi non sono state riportate le date.

Il dottor GRASSI, a nome e per conto del Direttore del Servizio, fa riserva di consegnare le rimanenti traduzioni non appena disponibili.

Il materiale acquisito viene chiuso in tre plichi sigillati dalle parti e contenenti, rispettivamente, gli atti da n. 1 a n. 73, da n. 75 a n. 174, da n. 175 a n. 261.

Copia del presente verbale viene consegnata al dott. GRASSI.

L.C.S. in data e luogo di cui sopra, alle ore 23.00.

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 1 Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Carlo Fortunati - Nome in codice "Figaro"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: -

 

Carlo Fortunati - Nome in codice "Figaro"

Carlo Fortunati nato nel 1938, è stato oggetto di una coltivazione attiva del KGB nel 1969-1970 a Mosca, quando lavorava come addetto alla cifra presso l'ambasciata italiana. Il KGB aveva piazzato diverse donne sul soggetto. Era noto che FORTUNATI votasse per il Partito comunista italiano. Il suo nome in codice era "FIGARO".

 

SEGRETISSIMO*

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 2

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Bonifacio Pansini - Nome in codice "Pan"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

Commento: Notiamo da elenchi diplomatici che Bonifacio PANSINI è stato nominato console onorario austriaco a Bari nel 1970.

Bonifacio Pansini - Nome in codice "Pan"

1. Bonifacio PANSINI nato nel 1927 a Molfetta, era un imprenditore italiano e direttore commerciale della società VRS. Era anche Console onorario austriaco a Bari.

2. PANSINI era in contatto con il KGB ed era manipolato dal 2^ dipartimento del Direttorato S del Primo Direttorato Generale del KGB. Il suo nome in codice era "Pan".

(data delle informazioni: 1981 e seguenti).

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 3

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto:

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento

1. Notiamo da elenchi diplomatici che Gianluigi PASQUINELLI ha lavorato all'ambasciata italiana di Berna dal 1970 al 1972 e all'ambasciata italiana di Giacarta dal 1973 al 1977 circa.

2. Non siamo riusciti ad identificare V. PYZHIKOV.

 

Gianluigi Pasquinelli - nome in codice "Tonio"

1. Gianluigi PASQUINELLI, nato nel 1935, aveva lavorato al MAE dal 1964. Dal 1970 al 1973 è stato Primo Segretario all'ambasciata italiana di Berna. E' stato coltivato dall'agente operativo V. PYZHIKOV della Residentura del KGB cui ha passato delle informazioni. Fra queste era incluso un comunicato dell'ambasciata italiana di Berna sulla politica estera ed interna della Svizzera e traduzioni di telegrammi circolari del Ministero degli Affari Esteri. PASQUINELLI è stato ripagato con costose ricompense. Aveva il nome in codice "TONIO".

2. Nel febbraio 1973 PASQUINELLI è stato trasferito all'Ambasciata italiana di Giacarta. Il KGB ha stabilito delle modalità per i contatti a Giacarta e la locale Residentura del KGB ha continuato a coltivare PASQUINELLI. Un rapporto della Residentura di Giacarta della metà degli anni '70 descriveva "TONIO" come "un agente documentario di un paese NATO".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 4

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Giuliano Zincone - Nome in codice "Zvyagin"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: -

 

Giuliano Zincone - Nome in codice "Zvyagin"

Giuliano ZINCONE nato nel 1943 a Roma era un corrispondente del giornale "Corriere della Sera". Era legato al gruppo di sinistra il "Manifesto". Dal 1973 al 1981 ZINCONE è stato coltivato dalla Residentura del KGB a Roma. Il suo nome in codice era "ZVYAGIN".

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 5

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Sandro Viola - Nome in codice "Zhukov"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Riteniamo che FEDYASHIN si identifichi con Georgiy Arsenyevich FEDYASHIN , vice-direttore di NOVOSTI.

 

Sandro Viola - Nome in codice "Zhukov"

1. Sandro VIOLA nato nel 1931, era un corrispondente del giornale "La Repubblica", dove scriveva di affari internazionale. E' stato coltivato dal KGB ed era un contatto confidenziale della Residentura del KGB di Roma. Il suo nome in codice era "ZHUKOV".

(data delle informazioni non nota).

2. Nel 1981 VIOLA ha redatto un rapporto sul 26^ congresso del PCUS. FEDYASHIN lavorava con lui (presumibilmente a Mosca) e ha tenuto dei discorsi influenzatori basati su temi forniti dal Servizio A del Primo Direttorato Generale del KGB.

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 6

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Luigi Fossati - Nome in codice "Anatol"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: -

 

Luigi Fossati - Nome in codice "Anatol"

1. Luigi FOSSATI nato nel 1927 a Milano, era un giornalista italiano che ha lavorato come corrispondte ad Amburgo, Varsavia e, dal 1964 al 1969, da Mosca. E' stato reclutato nell'ottobre 1966 da "N", un residente del Secondo Direttorato Generale del KGB. Gli è stato dato il nome in codice "ANATOL". All'epoca del suo reclutamento una delle richieste di FOSSATI era stata che nessuno all'infuori di "N" avrebbe dovuto mantenere i contatti con lui. FOSSATI ha fornito al KGB informazioni su corrispondenti esteri e su diplomatici.

2. Nel 1975 FOSSATI era vice-capo redattore del giornale "Il Messaggero"..

Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 7
Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Lelio Basso Di Ugo Ð Nome in codice " Libero"

Fonte: Un ex ufficiale del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.
Data dell'informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visionato solo da personale indottrinato.
Nessuna attività può essere intrapresa sulla base di questo rapporto, né il materiale Impedian può essere discusso/distribuito al di fuori del vostro servizio senza la preventiva autorizzazione dell'ente originatore.
Commento: -
Lelio Basso Di Ugo Ð Nome in codice "Libero".
1. Lelio BASSo (sic) DI UGO, nato il 1903 a Varazze, Savona, era un laureato italiano di scienze giuridiche e filosofiche e un avvocato. Era anche Presidente del Partito socialista italiano di Unità Proletaria, un deputato del Parlamento italiano e un ex-Segretario del PSI.
2. Il contatto operativo del KGB con BASSO DI UGO venne stabilito nel '63 ed egli fu reclutato nel '70 come contatto riservato. A BASSO DI UGO venne dato il nome in codice "LIBERO" e fu gestito da un membro della Residentura del KGB di Roma. Attraverso di lui sono state realizzate le seguenti misure attive sovietiche:
Partecipazione al Tribunale Russel (1966-75), organizzazione di una tavola rotonda sui problemi del Mediterraneo e sulla situazione in M.O. (data non nota), richieste nel Parlamento italiano sul destino dei criminali internazionali BRAZINSKI (1976) e attività sul Comitato Internazionale per la unificazione della Corea (data non nota).
3. BASSO DI UGO è morto nel 1978.
SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 8

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Nestore Di Meola - Nome in codice "Klement"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Il 1975 è stato fornito come data alternativa per il reclutamento di DI MEOLA, ma in genere una pratica di coltivazione operativa (DOR) veniva aperta prima che il reclutamento avesse luogo. Questa data sembra pertanto essere meno probabile di quella fornita nel testo (1978).

 

Nestore Di Meola - Nome in codice "Klement"

1. Nestore DI MEOLA nato nel 1930 a Palo e residente a Roma, era membro del Dipartimento Internazionale dell'Associazione Lavoratori Cristiani (ALCI). Nel 1973 e nel 1975 è stato in URSS per conto dei sindacati. DI MEOLA è stato attentamente esaminato dalle agenzie del KGB ed è stata esercitata su di lui una proficua influenza.

2. La coltivazione del KGB è continuata a Roma e nel 1976 è stato aperto un dossier di cotivazione operativa (DOR) sul conti di DI MEOLA. E' stato reclutato nel novembre 1978 per motivi politici e ideologici, oltre che per questioni materiali, ed è stato inserito nella rete di agenti del Primo Direttorato Generale. Ha ricevuto il nome in codice "KLEMENT". E' venuto fuori, tuttavia, che le informazioni di DI MEOLA davano scarsi risultati e che non aveva possibilità di prendere misure attive. Inoltre era indisciplinato come agente, mancava agli appuntamenti e cercava di mettere le sue relazioni su un piano ufficiale. Nel 1981 DI MEOLA è passato all'Unione Italiana Lavoratori. Il KGB lo ha congelato fino al 1983.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 9

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Vice-Addetto navale italiano a Mosca - Nome in codice "Polatov"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Notiamo da elenchi diplomatici che Armando VIGLIANO ha lavorato come Addetto Navale all'ambasciata italiana di Mosca dal 1976 al 1978. Non sappiamo se si identifica con "POLATOV'

 

Vice-Addetto navale italiano a Mosca - Nome in codice "Polatov"

"POLATOV" o "POLETOV" è stato vice-addetto navale all'ambasciata italiana di Mosca e ufficiale del SIOS (espansione non nota) della Marina. Nel 1978 è stato reclutato dal Secondo Direttorato Generale del KGB.

 

Commento del servizio: La fonte non conosceva l'identità di "POLATOV"

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 10

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Ermanno Squadrilli - Nome in codice "Strelok"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Secondo i nostri atti, Georgiy Pavlovich ANTONOV, nato il 26 novembre 1939 sarebbe un agente del KGB identificato, accreditato a Roma (1966-1971), Ginevra (1979-1986) e a Bruxelles (1991-1994).

 

Ermanno Squadrilli - Nome in codice "Strelok"

1. Ermanno SQUADRILLI, nato nel 1938 a Palermo, è stato funzionario del Ministero degli Esteri italiano. Nel 1969 faceva parte del Dipartimento di Stampa e Informazione del Ministero. Nel 1970 è stato reclutato dalla Residentura del KGB di Roma; il reclutamento è stato condotto dall'agente della Residentura G P Antonov. Il nome in codice di SQUADRILLI era "STRELOK".

2. Nel 1971 SQUADRILLI è stato accreditato all'ambasciata italiana di Tokio. In seguito ha lavorato a San Francisco, dove ricopriva la carica di Console italiano. Era riluttante a collaborare con il KGB.

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 11

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Angelo Travaglini - Nome in codice "Anzheluti"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Riteniamo che Dimitri ZLATANOV si identifichi con Dimitur Cristov ZLATANOV, nato l'1 aprile 1923, espulso dall'Italia nell'aprile 1976

 

Angelo Travaglini - nome in codice " Anzheluti"

1. Angelo Travaglini, nato nel 1944 a Terni, era un funzionario del MAE. E' stato Secondo Segretario dell'ambasciata italiana di Yaounde, Camerun, dove è stato coltivato dalla Residentura del KGB. La coltivazione era iniziata nel 1975 ad opera dei bulgari a Roma, tramite il Residente "DIMCHEV" (Dimitri ZLATANOV). Il nome in codice di TRAVAGLINI era "ANZHELUTI"

2. A Yaounde, il contatto con TRAVAGLINI è stato stabilito da "BATOV", un agente della Residentura del KGB. Si è creato un saldo rapporto di amicizia che si è trasformato in un rapporto strettamente confidenziale fondato sull'affinità ideologica. TRAVAGLINI aveva idee comuniste. Il KGB ha deciso, tuttavia, di non continuare il contatto con lui perché le autorità italiane potevano venire al corrente delle idee di TRAVAGLINI e del fatto che era stato uno dei contatti di ZLATANOV a Roma. Il KGB ha deciso di rimandare la coltivazione con l'obiettivo ultimo di reclutarlo una volta che fosse stato di nuovo accreditato all'estero.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 12

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Giambattista Tura - Nome in codice "Dodzh"

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

B L SARYCHEV si identifica con Boris Leonidovich SARYCHEV, nato il 21 giugno 1923, noto agente del KGB espulso dalla Germania occidentale nel 1966. Nel 1976 SARYCHEV era vice-direttore del Dipartimento di Relazioni Estere del Ministero per la Raffinazione del Petrolio e l'Industria Petrolchimica russo

 

Giambatista Tura &endash; Nome in codice "Dodzh"

Giambatista TURA, nato il 2 novembre 1939 in Austria era un cittadino italiano di origine austriaca. Era direttore della società Vartington di Milano. TURA è stato coltivato dalla Residentura del KGB di Roma, ma dopo il 1978 ha evitato i contatti con B L. SARYCHEV.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 13

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Giorgio Girardet &endash; Nome in codice "TURIST"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

1. Nikolay Pavlovich Anfinogenov, nato il 3 gennaio 1924 frequenta diversi gruppi e conferenze ecclesiastiche internazionali almeno dal 1975. E' stato membro di numerose delegazioni sovietiche alle riunioni del Consiglio Mondiale delle Chiese e della Conferenza di Pace Cristiana.

2. Fedor Konstantinovich Rogushin, nato il 7 marzo 1931 ha avuto due incarichi all'ambasciata sovietica di Roma (1958-1964 e 1966-1968).

3. Non siamo riusciti ad identificare l'agente operativo SURNIN.

 

Giorgio Girardet &endash; Nome in codice "Tursit"

1. Giorgio GIRARDET, nato nel 1919 in Spagna, era un cittadino italiano e redattore capo del giornale "Nuovi Tempi". Dopo la guerra è diventato ministro della Chiesa Riformista di Trieste e si è recato in Ungheria, Cecoslovacchia e Unione Sovietica per questioni ecclesiastiche.

2. La coltivazione di GIRARDET da parte del KGB è iniziata nel 1962 a Praga, mentre GIRARDET stava partecipando alla Conferenza Cristiana Mondiale. L'agente del KGB ANFINOGENOV, che operava sotto la copertura del Dipartimento delle Relazioni Ecclesiastiche Internazionali del Patriarcato di Mosca, ha preso contatti con GIRARDET a Praga e ha condotto la coltivazione. Gli agenti operativi SURNIN e ROGUSHIN hanno terminato il lavoro. Nel dicembre 1969, GIRARDET era stato inserito nella rete di agenti del Primo Direttorato Generale del KGB e aveva ricevuto il nome in codice "TURIST".

3. Un nuovo agente operativo (identità non nota) ha incontrato notevoli difficoltà nel riprendere i contatti e nell'organizzare la collaborazione con GIRARDET. Secondo l'agente, GIRARDET sembrava non capire e interpretare correttamente la situazione dei fedeli, della Chiesa e dei dissidenti in URSS. Ricorrendo a vari pretesti, si rifiutava di passare informazioni o di presentarsi ad incontri.

4. Nel gennaio 1977 GIRARDET riceveva un salario mensile di 150 rubli per il suo prezioso lavoro di agente della Residentura del KGB di Roma. Ciò nonostante, in seguito sempre nel 1977 GIRARDET avrebbe posto fine di sua iniziativa agli incontri con l'agente operativo. Nonostante l'elargizione dello stipendio, le indicazioni evidenziano che la coltivazione di GIRARDET non si sarebbe mai conclusa con il suo reclutamento come agente.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 14

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: "Nino" &endash; Contatto confidenziale del KGB

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Gradiremmo conoscere l'identità di "NINO" non appena possibile

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 15
Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: "Contatto riservato del KGB - Kanio"

Fonte: Un ex ufficiale del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.
Data dell'informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visionato solo da personale indottrinato.
Nessuna attività può essere intrapresa sulla base di questo rapporto, né il materiale Impedian può essere discusso/distribuito al di fuori del vostro servizio senza la preventiva autorizzazione dell'ente originatore.
Commento: Saremmo grati di poter conoscere l'identità di "KANIO".
Contatto riservato del KGB - Kanio
"KANIO" era il Capo del Dipartimento Stampa del Partito Democrazia Cristiana ed un assistente personale di PEDINI, un Vice-Ministro degli Esteri. KANIO era un contatto riservato della Residentura del KGB di Roma (data dell'informazione 1972)
RISERVATO

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 16

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Giornalista italiano - Nome in codice "Podvizhnyy"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: -

1. ZAMOYSKIY si idenfica con Lolliy Petrovich ZAMOYSKIY, nato il 29 luglio 1929, agente del Kgb identificato che ha operato sotto copertura giornalistica a Roma (1968-1973) e a Parigi (1977-1980)

2. Gradiremmo conoscere l'identità di "PODVIZHNYY" non appena possibile.

 

Giornalista italiano - Nome in codice "PODVIZHNYY"

1. "PODVIZHNYY" era direttore della sede di Roma di un'importante rivista italiana. E' stato inoltre corrispondente del "Tempo" e dell'"Automobile". Era in contatto con ZAMOYSKIY, agente operativo della Residentura del KGB di Roma che agiva sotto copertura di corrispondente dell'"Izvestiya".

2. "PODVIZHNYY" è stato inviato in Albania per raccogliere informazioni. Ha anche condotto indagini sull'ambasciatore albanese in Italia e su Faik DEKAJ, consigliere dell'ambasciata albanese a Roma. "PODVIZHNYY" ha partecipato ad azioni per conto del KGB nel 1972.

3. Nel gennaio 1977, per il suo prezioso lavoro di agente della Residentura di Roma del KGB, "PODVIZHNYY" riceveva uno stipendio mensile di 240 rubli.

 

Commento al servizio

E' possibile che l'importante rivista cui si è fatto prima riferimento sia in realtà il "Tempo" o l'"Automobile".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 17

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Giuseppe Planchenti - Nome in codice "Platon"

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

G P ANTONOV si identifica con Georgiy Pavlovich ANTONOV, nato il 26 novembre 1939, che ha presentato servizio a Roma (1966-1971), Ginevra (1979-1986) e Bruxelles (1991-1993).

ANTONOV è un agente del KGB identificato cui sono stati rifiutati diversi visti di ingressi in vari paesi europei.

 

Giuseppe Planchenti - Nome in codice "Platon"

1. Giuseppe PLANCHENTI lavorava presso l'ambasciata italiana di Mosca (data non nota). Una donna, agente "R" è stata assegnata al suo caso e il soggetto è andato a convivere con la stessa. La donna ha inscenato una falsa gravidanza e aborto. L'agente "R" ha indotto PLANCHENTI a chiedere alle autorità sovietiche di non informare l'ambasciata italiana del fatto che aveva vissuto con la donna e che lei si era sottoposta ad un aborto su suo consiglio e sue spese. Per la legge italiana è reato penale indurre una donna ad avere un aborto.

2. Planchenti è stato reclutato dal KGB e ha ricevuto il nome in codice "PLATON". Ha fornito ritratti a penna di membri del personale dell'ambasciata italiana e ha indicato quali di loro appartenevano ai servizi speciali. Ha inoltre fornito dettagli specifici sulla struttura e sulle misure di sicurezza dell'ambasciata.

3. In seguito il KGB ha rintracciato PLANCHENTI in Belgio (data non nota). Il KGB aveva progettato di inviare G.P. ANTONOV sul posto. ANTONOV era un direttore di sezione del 5 Dipartimento del KGB che parlava italiano. I belgi non gli hanno concesso il visto. Il KGB ha allora fatto richiesta di visto per l'Olanda, in quanto lo stesso sarebbe stato valido per visitare tutti i paesi del Benelux. Il piano era che ANTONOV avrebbe dovuto entrare in Belgio dall'Olanda nel maggio 1976.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 18

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Agente informativo del KGB - Nome in codice "Kars"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Gradiremmo conoscere l'identità di "KARS" non appena possibile.

 

Agente informativo del KGB - Nome in codice "Kars"

1. "KARS" era un agente informativo del KGB nel campo dell'informazione tecnica e scientifica in Italia. Era professore universitario, Presidente dell'Associazione Nazionale dei fisici e anche di diverse organizzazioni pubbliche ed economiche. "KARS" aveva probabilmente connessioni con Torino e con un istituto specializzato nella ricerca dei neutroni (data dell'informazione non nota)

2. Dopo lo scandalo in Italia della loggia massonica P-2 "KARS" temeva che potesse essere scoperto perché era citato nelle liste della P-2.

3. Nel settembre 1981 "KARS" doveva assumere la carica di coordinatore della ricerca scientifica del gruppo "ENI".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 19

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Addetto italiano nella RDPY - Nome in codice "ALAUI"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

1. Viktor Gavriloch GORLOV nato il 13 giugno 1946 ha prestato servizio ad Aden (1973-1977) e ad Amman (1981-1986).

2. Notiamo da elenchi diplomatici che Willy THA ha prestato servizio come Addetto Amministrativo all'ambasciata Italiana di Aden dal 1972 al 1977.

 

Addetto italiano nella RDPY &endash; Nome in codice "Alaui"

"ALAUI" era Addetto Amministrativo all'ambasciata italiana della Repubblica Democratica Popolare dello Yemen. E'ritornato in Italia nel 1977. Ad Aden aveva avuto contatti V. G. GORLOV.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 20

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Giuseppe Prezioso - Nome in codice "Moris"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Giuseppe Prezioso &endash; Nome in codice "Moris"

Giuseppe Prezioso, nato nel 1976 a Roma, si era laureato alla Falcoltà di Giurisprudenza dell'Università di Roma. Lavorava al Reparto Esteri dell'Eni. PREZIOSO è stato reclutato dal KGB nel 1974 e ha ricevuto il nome in codice "MORIS". E' stato manipolato dal 1 o dal 5 Dipartimento del Direttorato S del Primo Direttorato Generale del KGB. (data delle informazioni: prima e dopo il 1979).

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 21

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Ambasciatore Italiano &endash; Enrico Aillaud

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

1. Notiamo da elenchi diplomatici che Enrico AILLAUD ha ricoperto la carica di ambasciatore italiano in Cecoslovacchia (1960-1962), Polonia (1963-1968), Austria (1970-1973), RDT (1973-1975) e URSS (1976-1978).

2. Riteniamo che MIKHIN si identifichi con l'agente del KGB Robert Vasiliyevich MIKHIN, nato il 21 settembre 1926. Ha prestato servizio a Vienna (1953-1957), Il Cairo (1960-1962), L'Avana (1964-1966), Vienna (1966-1969), e New York (1972-1973 e 1975-1982)

 

Ambasciatore Italiano &endash; Enrico Aillaud

1. Enrico AILLAUD, nato nel 1911 a Roma, aveva ricoperto incarichi diplomatici sin dal 1940. Ha lavorato nelle Missioni diplomatiche italiane di New Orleans, Londra e Praga. Nel 1957 è stato consigliere diplomatico del Presidente del Consiglio dei Ministri ZOLLI, nel 1958-59 è stato capo del gabinetto FANFANI e poi PELLE (sic). Dal 1961 a l 1971 AILLAUD è stato ambasciatore italiano in Cecoslovacchia, Polonia, Austria e RDT. E' stato presidente dell'Interbanka di Milano. AILLAUD era membro del Partito Democratico Cristiano e amico personale di Fanfani; aveva inoltre stretti contatti con il Direttore delle Relazioni Esterne del Comitato Centrale del PCI, Sergio SERGE (sic), e con altri importanti comunisti.

2. Nel 1961 AILLAUD è stato reclutato dai servizi speciali cecoslovacchi sulla base di materiali compromettenti: in particolare la sua relazione con una donna di facili costumi e con speculazioni monetarie. I contatti con AILLAUD erano mantenuti attraverso un alto rappresentante del Ministero degli Affari Interni cecoslovacco, Noek SOUCHEK (fonetico). Nella RDT il contatto è avvenuto attraverso JENIKE (nome di battesimo non noto), generale maggiore del Ministero della Sicurezza di Stato della Germania Orientale, che si presentava come alto funzionario del Ministero degli Esteri della RDT. AILLAUD, tuttavia, si è rifiutato di collaborare con il Ministero della Sicurezza di Stato.

3. Attraverso un intermediario dei cecoslovacchi, il contatto informativo è stato stabilito a Mosca da MIKHIN, agente del 3 Dipartimento del Secondo Direttorato Generale del KGB. AILLAUD ha fornito informazioni riguardanti la Nato, la Cee, la Cina e membri dei corpi diplomatici di Mosca. Il KGB lo ha ricompensato con preziosi regali. Ad Aillaud sono state pagate le spese per l'organizzazione e la partecipazione a varie spedizioni di caccia nella zona di Mosca. Nel 1976 è stato inserito nella rete di agenti del KGB. AILLAUD ha ammesso la sua disponibilità a lavorare per il KGB in ambiente italiano e persino a Roma.

4. Nel 1980 AILLAUD è andato in pensione e il flusso di informazioni da lui provenienti è diminuito. E' stato tolto dalla rete di agenti nel 1983. All'epoca in cui era agente, Aillaud aveva ricevuto diversi nomi in codice: "ARTUR", "ARLEKINO" e "SHEF".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 22

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Angelo Sferrazze - Nome in codice "Kant"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: -

 

Angelo Sferrazze - nome in codice "Kant"

Angelo SFERRAZZE, nato nel 1937 a Fano, era un esponente del Dipartimento Internazionale del Partito Democratico Cristiano Italiano. Dal 1975 al 1982 è stato sottoposto a coltivazione da parte della Residentura del KGB di Roma e il suo nome in codice era "KANT". La coltivazione di SFERRAZZE è stata scoperta dai servizi speciali occidentali.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 23

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Francesco Gozzano - Nome in codice "Frank"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: ZAMOYSKIY si identifica con Lolliy Petrovich ZAMOYSKIY, nato il 29 luglio 1929, agente del KGB identificato che ha operato sotto copertura giornalistica a Roma (1968-1973) e a Parigi (1977-1980).

 

Francesco Gozzano - nome in codice "Frank"

1. Francesco GOZZANO era direttore del Dipartimento Internazionale del giornale "Avanti" del Partito Socialista Italiano. Era agente della Residentura del KGB di Roma ed era in contatto con ZAMOYSKIY. Il nome in codice di GOZZANO era "FRANK".

2. Nel gennaio 1977 gli agenti più importanti della Residentura di Roma ricevevano salari mensili in rubli. Lo stipendio di GOZZANO era di 240 rubli.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 24

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Amadeo Mencuccini - Nome in codice "Butil" e Salvatore Cassarino - nome in codice "Metil"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Abbiamo le seguenti notizie sul conto dei russi elencati nel rapporto:

 

Gennadiy Akimovich NIKOLAYEV, nato il 7 agosto 1928.

 

1961-1963: ingegnere capo, società commerciale AMTORG, New York.

 

1965-1971: vice-direttore, Delegazione Commerciale Sovietica, Roma.

 

1972-1977: vice-direttore, Delegazione Commerciale Sovietica, Parigi.

 

1985-1988: vice-direttore, Delegazione Commerciale Sovietica, Harare.

 

Aleksey Anatoliyevich MALYSHEV, nato il 14 aprile 1924 o 1926.

 

1960-1966: rappresentante, Delegazione Commerciale Sovietica, Parigi.

 

1971-1976: consulente scientifico, Ambasciata Sovietica, Roma.

 

Gennadiy Georgiyevich KRYUKOV, nato il 18 luglio 1936.

 

1964-1969: 3 Segretario (scientifico), Ambasciata Sovietica, Roma.

 

1976-1981: consulente scientifico, Ambasciata Sovietica, Roma.

 

Tutti e tre gli individui sono agenti del KGB identificati.

 

 

Amadeo Mencuccini - Nome in codice "Butil" e Salvatore Cassarino - nome in codice "Metil"

1. Amedeo MENCUCCINI, nato nel 1937 a Roma, era co-proprietario della società "CONSER" e proprietario della società "INTEMA". La società "INTEMA" era specializzata in calcolo ingegneristico nel campo dell'ingegneria chimica. MENCUCCINI era assistente universitario all'Università di Roma.

2. Salvatore CASSARINO, nato nel 1937 a Roma, era direttore tecnico e co-proprietario della società "CONFER" ed era anche legato alla società "VDC-Biochem".

3. La coltivazione di MENCUCCINI è stata iniziata nel 1969 dall'agente della Residentura del KGB di Roma G A NIKOLAYEV ed è stata continuata da A A MALYSHEV e G G KRYUKOV. MENCUCCINI ha ricevuto il nome in codice "BUTIL", mentre CASSARINO era noto come "METIL".

4. Nel 1970 MENCUCCINI, insieme a CASSARINO, ha fornito ai russi un'intera serie di documenti relativi al processo per la produzione della gomma butile. I due hanno ricevuto un compenso di 50.000 dollari. La documentazione ha permesso all'amministrazione sovietica di realizzare la costruzione della fabbrica di Sumgait e di ridisegnare due nuove linee di produzione su larga scala nel complesso industriale di Nizhnekamsk e nella fabbrica SK (gomma sintetica) di Kuibyshev. Questo ha prodotto un risparmio di 16.000.000 di rubli.

5. Dal 1970 al 1974 MENCUCCINI ha fornito abbondante documentazione relativa a diversi processi chimici e petrolchimici. I russi hanno trovato la documentazione di interesse pratico e hanno ottenuto dei risparmi in campo finanziario.

6. Nel 1974 CASSARINO ha raffreddato i suoi contatti professionali con MENCUCCINI. MENCUCCINI aveva considerato questa collaborazione non ufficiale con i russi come un mezzo per ricevere commesse da organizzazioni per il commercio estero sovietiche. Essendosi reso chiaro che tali commesse non erano prossime ad arrivare, nel 1979 MENCUCCINI ha interrotto il suo contatto non ufficiale con la Residentura del KGB.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 25
Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Alfredo Casilio - Nome in codice "Renato"

Fonte: Un ex ufficiale del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.
Data dell'informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visionato solo da personale indottrinato.
Nessuna attività può essere intrapresa sulla base di questo rapporto, né il materiale Impedian può essere discusso/distribuito al di fuori del vostro servizio senza la preventiva autorizzazione dell'ente originatore.
Commento: -
Alfredo Casilio - Nome in codice "Renato"
1. Alfredo CASILIO nato nel 1938 a Napoli, era Capo della Segreteria del Gruppo della "Sinistra Indipendente" al Senato italiano ed editore capo della pubblicazione "L'astrolabio". Era responsabile dei contatti fra l'Eni ed il Parlamento Europeo.
2. CASILIO è stato reclutato dal KGB nel 1974 con il nome in codice "RENATO".
Nel 1977, in quanto valido agente della Residentura del KGB di Roma, venne premiato con un salario mensile di 170 rubli. In quel periodo, comunque, CASILIO ha cominciato a prendere le distanze dalla cooperazione con il KGB. Nel 1980 il KGB ha deciso di sospendere le relazioni con lui fino al 1984.
RISERVATO

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 26

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Agente del KGB italiano - nome in codice "Rene"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Gradiremmo conoscere in tempo utile se siete riusciti ad identificare "RENE".

 

Agente del KGB italiano - nome in codice "Rene"

1. "RENE" era un italiano che ricopriva la carica di direttore del Dipartimento di Informazione Estera dell'Agenzia di stampa marocchina. Era inoltre corrispondente dell'agenzia di stampa italiana ANSA.

2. "RENE" è stato reclutato dal KGB nel 1970.

 

COMMENTO DEL SERVIZIO

La fonte non conosceva l'identità di "RENE".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 27

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Franco Leonori - nome in codice "Fidelio"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Franco Leonori - nome in codice "Fidelio"

1. Leonori FRANCO, nato nel 1923 a Roma, era direttore dell'agenzia di stampa cattolica "Adista". E' stato reclutato dal KGB nel 1975 e riceveva un salario mensile di 170 rubli. Il nome in codice di FRANCO era "FIDELIO".

2. Nel 1978 il KGB ha scoperto che gli ungheresi avevano regolari contatti con FRANCO e che questi gravitava anche nell'orbita dell'informazione cecoslovacca e polacca. FRANCO non aveva detto nulla al KGB dei suoi contatti con altri servizi informativi. Il KGB riteneva che questa mancanza costituisse una seria minaccia per la sicurezza dell'attività dell'informazione sovietica. Nel 1978 il KGB ha cessato i suoi contatti con FRANCO.

SEGRETISSIMO *

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 28

Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Antonio Priori - nome in codice "Rof"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Non siamo riusciti a identificare "Compagno SANIN"

 

Antonio Priori - nome in codice "Rof"

1. Antonio PRIORI, nato nel 1930, era un esperto di questioni cinesi e direttore dell'Istituto Asiatico italiano. Era sotto coltivazione da parte della Residentura del KGB di Roma. Nel 1975 le relazioni sono diventate confidenziali e PRIORI è stato inserito nella rete di agenti del KGB. Ha ricevuto il nome in codice "ROF".

2. PRIORI aveva accesso alle ambasciate cinese e albanese di Roma e ad organizzazioni pubbliche italiane che si occupavano dei problemi della Cina. Ha fornito al KGB informazioni sulla Cina.

3. Nel giugno 1980 una fonte del GRU ha fornito delle informazioni documentali, che si riferivano a regolari contatti tra un agente del servizio di informazione sud-coreano a Roma e "Compagno SANIN". L'analisi delle informazioni ha portato il KGB a credere che l'agente informativo sud-coreano non fosse altro che PRIORI. Altri elementi di sospetto su PRIORI sono inoltre stati notati. Il KGB ha quindi deciso che PRIORI era un doppiogiochista e che le sue attività avrebbero potuto essere controllate dai servizi speciali italiani.

SEGRETISSIMO *

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 29

Data di emissione: 23 marzo 1995

 

Oggetto: Giuseppe Enrico Reyna - nome in codice "Nil"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Giuseppe Enrico Reyna - nome in codice "Nil"

1. Giuseppe Enrico REYNA, nato nel 1900 a Monza, era un avvocato italiano. Negli anni '20 i servizi cekisti hanno mantenuto relazioni confidenziali con lui e nel 1930 è stato reclutato dall'informazione sovietica. Il suo nome in codice era "NIL".

2. REYNA aveva connessioni negli ambienti industriali e finanziari italiani e ha sostenuto attivamente lo sviluppo delle relazioni commerciali tra l'Italia e l'Unione Sovietica. Con il suo aiuto, numerose persone sono state attirate nella cooperazione con l'informazione sovietica.

3. Nel 1964 il KGB ha assegnato a REYNA una pensione vitalizia di 70.000 lire. La collaborazione è cessata dopo il 1971.


RISERVATO


Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 30
Data di emissione: 23 marzo 1995

Oggetto: Franco Galluppi Ð Nome in codice " Gayev"

Fonte: Un ex ufficiale del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.
Data dell'informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visionato solo da personale indottrinato.
Nessuna attività può essere intrapresa sulla base di questo rapporto, né il materiale Impedian può essere discusso/distribuito al di fuori del vostro servizio senza la preventiva autorizzazione dell'ente originatore.
Commento: -
Franco Galluppi Ð Nome in codice "Gayev"
1. Franco GALLUPPI, nato nel '22, era un membro del PSI.
Nel 1948, ha lavorato come Segretario del leader del PSI, Riccardo LOMBARDI. GALLUPPI ha perso questo incarico quando NENNI è diventato leader del partito e nella organizzazione del Partito vennero fatti dei cambiamenti;
2. GALLUPPI venne reclutato nel '52 e gli venne assegnato il nome in codice "GAYEV". Era solito coltivare il "Movimento dei Lavoratori italiani", una organizzazione troskista, ed è stato utilizzato anche contro la Yugoslavia. Nel '54, il contatto venne interrotto perché GALLUPPI aveva perso le sue possibilità di raccolta per l'intelligence.
3. Nel '75, il KGB ha riallacciato il contatto con GALLUPPI continuando fino al 1982. Come già avvenuto in precedenza il contatto venne interrotto poiché GALLUPPI non aveva più accesso informativo.

SEGRETISSIMO *

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 31

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Viviana Ventura - Segretaria italiana alla Nato

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Non siamo riusciti a identificare "Gerd FULLER"

 

Viviana Ventura - Segretaria italiana alla Nato

1. Alla fine degli anni '60 Viviana VENTURA lavorava come segretaria nella delegazione italiana alla NATO. Aveva 25 anni, viveva a Bruxelles ed era coltivata dal KGB.

2. Nel 1969 l'agente speciale "Gerd FULLER" fù (sic) inviato in Belgio per 2-3 mesi. Il suo compito era quello di riuscire a conoscere VENTURA e di riuscire a capire in che modo potesse essere reclutata.

SEGRETISSIMO *

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 32

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Abdul-Hadi Shokur - Nomi in codice "Miron" e "Grigoriy"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Abdul-Hadi Shokur - nomi in codice "Miron" e "Grigoriy"

Abdul-Hadi SHOKUR ha prestato servizio come Secondo Segretario all'Ambasciata afgana di Roma dal 1977 al 1984. Nel 1987 era vice-direttore dell'Ufficio Protocollo del Ministero degli Esteri afgano.

 

Abdul-Hadi SHOKUR nato nel 1950 a Kabul, ha prestato servizio come addetto all'Ambasciata afgana di Roma dal 1978 fino a data sconosciuta. Era un agente del 7^ Dipartimento del Direttorato S del KGB, sia prima che dopo il 1983. I suoi nomi in codice erano "MIRON" e "GRIGORIY".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 33

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Giovanni De Luca - Nome in codice "Araldo" e il reclutatore di agenti Libero Lizzadri - Nome in codice "MAVR"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornata al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Giovanni De Luca - Nome in codice "ARALDO" e il reclutatore di agenti Libero Lizzadri - Nome in codice "MAVR"

1. Giovanni DE LUCA nato nel 1933 a Catania, era un italiano che è stato reclutato e diretto dal KGB dietro una falsa facciata. DE LUCA è caduto nel campo d'azione della residentura del KGB di Roma a seguito di un abboccamento da parte dell'agente "MAVR". "MAVR" si identificava con Libero LIZZADRI, che contemporaneamente godeva dei favori dell'allora Ministro per il Commercio Estero italiano, Guisto TOLLOY.

2. DE LUCA era un funzionario del Ministero per il Commercio Estero italiano. "MAVR" descriveva DE LUCA come un uomo di istinto reazionario che però odiava la corrotta burocrazia del governo italiano. DE LUCA definiva la dirigenza politica italiana una banda di ladri, alcuni dei quali avevano più successo di altri. Era considerato molto cinico.

3. DE LUCA riceveva uno stipendio di 20.000 lire dal Ministero per il Commercio Estero ed era in difficoltà finanziarie. "MAVR" lo ha aiutato ad ottenere un lavoro meglio retribuito alla Segreteria del Ministero del Commercio Estero e De Luca gli era estremamente riconoscente. "MAVR" ha coinvolto DE LUCA anche nella preparazione di materiale per il bollettino d'informazione dell' "ADN-CHRONOS". Questo fornì a DE LUCA un'ulteriore fonte di guadagno del valore di 50.000 lire. Allora ha iniziato a passare documenti segreti a "MAVR". DE LUCA ricevette il nome in codice "ARALDO".

4. Alla fine del 1968 TOLLOY ha cessato di essere ministro e ha lasciato il ministero per il Commercio Estero, insieme a "MAVR" ed è ritornato al giornale "AVANTI". DE LUCA ha continuato comunque a fornire documenti segreti a "MAVR". Riceveva uno stipendio di 100.000 lire al mese per questo lavoro.

5. Nel 1973 DE LUCA iniziò a lavorare alla Corte dei Conti e il suo salario salì a 600.000 lire. Per tanto non sentì più la necessità di ulteriori guadagni. Il legame tra "MAVR" e DE LUCA diventò più debole e DE LUCA aveva comunque perso il suo accesso alle informazioni.

6. Nel gennaio 1977 "MAVR" era ancora considerato un agente di valore della Residentura di Roma e riceveva un salario mensile di 170 rubli.

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 34

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Vladimir Yevgeniyevich Strelkov - Agente del KGB

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte e' sensibile. il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Vladimir Yevgeniyevich Strelkov - Agente del KGB

Ricordiamo che Vladimir Yeveniyevich STRELKOV, nato il 6 agosto 1932, ha ricoperto la carica di Secondo Segretario (culturale) all'ambasciata sovietica di Roma, dal 1967 al 1974.

Vladimir Yevgeniyevich STRELKOV ha lavorato presso l'ambasciata sovietica di Roma dal 1967 al 1973 sotto gli auspici dell'SSOD (Unione delle società per l'Amicizia Sovietiche). STRELKOV era un agente del 5^ Dipartimento del Primo Direttorato Generale del KGB, che operava in Italia.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 35

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Gianni Corbi - Contatto confidenziale del KGB

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Georgiy Pavlovich ANTONOV, nato il 26 novembre 1939 è un agente identificato del KGB che è stato accreditato a Roma (1966-1971), Ginevra (1979-1986) e Bruxelles (1991-1994).

 

Gianni Corbi - Contatto confidenziale del KGB

1. Gianni CORBI, redattore capo del settimanale politico "L'Espresso", era un contatto confidenziale della residentura del KGB di Roma. Nel 1972 si recò in URSS con un gruppo di giornalisti che accompagnavano il primo ministro italiano ANDREOTTI. In URSS, G P ANTONOV lavorava con CORBI. ANTONOV utilizzava la copertura di funzionario dell'Ufficio Stampa del Ministero degli Esteri Sovietico. CORBI era ancora un contatto confidenziale della residentura di Roma nel 1974.

2. La rivista politica "L'Espresso" era stata pubblicata e finanziata dal KGB in Italia dal giugno 1962.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 36

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Alberto Cavallari - Contatto confidenziale del KGB

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Alberto Cavallari - Contatto confidenziale del KGB

Alberto CAVALLARI, direttore dell'ufficio di Roma del periodico "Europeo", era un contatto confidenziale della residentura del KGB di Roma (data dell'informazione - 1974) .CAVALLARI era anche corrispondente del "Corriere della Sera". Il KGB lo utilizzava per attuare provvedimenti attivi. CAVALLARI scriveva per il giornale su temi connessi al KGB, in particolare sulle Olimpiadi di Mosca.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 37

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Orfei Rugiero - Sotto coltivazione KGB

 

Fonte: Ex Agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Sergey Anatoliyevich VESELOVSKIY nato l'8 febbraio 1948 ha prestato servizio presso l'ambasciata sovietica di Roma (1980-1987) e la missione sovietica presso le NU, Ginevra (1990-1994).

 

Orfei Rugiero - Sotto coltivazione del KGB

Orfei RUGIERO, direttore della rivista settimanale "Sette Giorni", era stato coltivato dalla residentura del KGB di Roma a partire dal 1972. RUGIERO si recò in URSS su invito dell'agenzia Novosti. In URSS un agente operativo del KGB, S A VESELOVSKIY, lavorava con RUGIERO. VESELOVSKIY era sotto copertura di interprete.

(data delle informazioni 1974)

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 38

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Anvar Akhmedovich Starkov - Agente del KGB

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Anvar Akhmedovich Starkov - Agente del KGB

Anvar Akhmedovich STARKOV, nato il 6 dicembre 1936 ha prestato servizio a Roma (1973-1977 e 1981-1985) e Milano (1988-circa 1992).

Anvar Akhmedovic STARKOV, tataro, nato nel 1936, era un agente del Secondo Direttorato Generale del KGB. Quando STARKOV prestava servizio come 3^ Segretario all'ambasciata sovietica di Roma, si rifiutò di collaborare con il Primo Direttorato Generale del KGB. Gli vennero fatte delle pressioni e gli fu ricordato che nel 1962 aveva ricevuto una lettera da una donna italiana di nome Tulia De MAYON (traslitterazione). Il KGB considerava questa lettera materiale compromettente, anche se in sostanza si trattava di una lettera d'amore.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 39

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Agente dell'informazione ungherese - Nome in codice "SHILLER"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore..

 

Commento: &endash;

 

Agente dell'informazione ungherese - Nome in codice "Shiller"

L'agente "SHILLER" (o "SCHILLER") era un giornalista italiano. Nel 1976 e in seguito era accreditato presso l'ufficio stampa del Comando Europa Meridionale NATO di Napoli. "SHILLER" era un agente dell'informazione ungherese.

 

Commento del servizio

La fonte non conosceva l'identità di "SHILLER".

SEGRETISSIMO*

 

FONTE SENSIBILE

Rapporto Impedian numero 40

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Contatto confidenziale del KGB - Nome in codice "SPIN"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Contatto confidenziale del KGB - Nome in codice "Spin"

"SPIN", nato nel 1934, era un docente italiano al dipartimento di chimica applicata dell'Università di Roma. Era un contatto confidenziale della residentura del KGB di Roma.

(data delle informazioni - 1975)

 

Commento del servizio

La fonte non conosceva l'identità di "SPIN".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 41

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Agente del KGB "Enero"

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

DDI: aggiornate al 1984

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visto solo da personale indottrinato. Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal nostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Agente del KGB "Enero"

Funzionario del Ministero degli Esteri italiano, nato nel 1909, era agente del Secondo direttorato generale del KGB di Mosca, Il suo nome in codice era "ENERO".

 

Commento del servizio

La fonte non conosceva l'identità di "ENERO" o la data di questa informazione.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 42

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Consulente commerciale italiano in Danimarca nel 1953 - Nome in codice "Korporator"

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

Rileviamo dagli elenchi diplomatici danesi che Gaetano LIBRANDO ha lavorato come consulente commerciale presso l'ambasciata italiana di Copenaghen circa dal 1948 perlomeno fino al 1955.

 

Consulente commerciale italiano in Danimarca nel 1953 - Nome in codice "Korporator"

Nel 1953 la residentura del KGB di Copenaghen definiva il consulente commerciale dell'ambasciata italiana in Danimarca come un agente di valore. Aveva il nome in codice "KORPORATOR".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 43

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Contatto confidenziale del KGB Carlo Longo - Nome in codice "Kirill"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Contatto confidenziale del Kgb Carlo Longo - nome in codice "Kirill"

Carlo LONGO, direttore del giornale siciliano "Sette Giorni", era un contatto confidenziale del KGB. Contribuiva alla divulgazione di articoli della stampa italiana che erano favorevoli al KGB. Nel 1980 ha condotto incarichi attivi contro il dissidente Andrey SAKHAROV e sua moglie Yelena BONNER. Il nome in codice di LONGO era "KIRILL".

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 44

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Funzionario consolare italiano - Nome in codice "Milgo"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: Rileviamo da elenchi diplomatici che nel 1973 il Dr. Marco COLOMBO era console italiano a Saarbrucken, Germania occidentale.

 

Funzionario consolare italiano - nome in codice "Milgo"

1. L'agente "MILGO" era un italiano che nel 1950 viveva in Bulgaria e lavorava all'ambasciata italiana di Sofia. "MILGO" è stato reclutato dal Secondo Direttorato Generale del KGB. Passava messaggi cifrati e faceva in modo che dei documenti venissero sottratti all'ambasciata. Nel 1961 è ritornato in Italia e si è perso il contatto.

2. Nel 1974 "MILGO" si è recato in Bulgaria per andare a trovare la sorella e il contatto è stato ristabilito. Allora lavorava al Consolato italiano di Saarbrucken, Germania occidentale. "MILGO" è stato manipolato dall'Informazione bulgara e utilizzato per ottenere documenti relativi a informazioni su un singolo individuo (nessun ulteriore dettaglio).

 

Commento della fonte

La fonte non conosceva l'identità di "Milgo".


RISERVATO


Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 45
Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Giuseppe Amedei Ð Nome in codice "Antoniy"

Fonte: Ex agente del KGB di provata affidabilità, con accesso diretto ma parziale.
Data informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visto solo da personale indottrinato.
Nessuna azione va presa sulla scorta di questo rapporto o discussione/distribuzione del materiale Impedian al di fuori del vostro servizio senza il consenso dell'originatore.
Commento: -
Giuseppe Amedei Ð Nome in codice "Antoniy"
Giuseppe AMEDEI, nato nel 1919, era membro del Parlamento italiano e Sottosegretario alle Finanze. AMEDEI era d'interesse del KGB, ma non è nota la condizione del suo reclutamento. Il suo nome in codice era "ANTONIY".
(Data dell'informazione Ð 1981 e più tardi)

 

 

SEGRETISSIMO*

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 46

Data di emissione: 7 aprile 1995

Oggetto: Contatto confidenziale del KGB - Nome in codice "Kvant"

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

Commento: Gradiremmo a tempo debito sapere se siete riusciti ad identificare "KVANT".

Contatto confidenziale del Kgb - nome in codice "Kvant"

"KVANT", nato nel 1948, era un cittadino italiano e membro del personale dell'Istituto di Geofisica. E' stato reclutato nel 1974 come contatto confidenziale della residentura del KGB di Roma. "KVANT" ha fornito informazioni sul prolungamento di una trasmissione radio a lunga distanza. Era manipolato dalla sezione di Informazione Tecnica e Scientifica del KGB.

COMMENTO DEL SERVIZIO

La fonte non conosceva l'identità di "KVANT".

 

 


RISERVATO


Fonte sensibile
Rapporto Impedian numero 47

Oggetto: Giuseppe Avolio Ð Nome in codice "Viktor"

Fonte: Ex agente del KGB di provata affidabilità, con accesso diretto ma parziale.
Data informazione: fino al 1984
AVVERTIMENTO: Si fa presente che si tratta di una fonte sensibile.
Il materiale Impedian va tenuto e visto solo da personale indottrinato.
Nessuna azione va presa sulla scorta di questo rapporto o discussione/distribuzione del materiale Impedian al di fuori del vostro servizio senza il consenso dell'originatore
Commento: -
Giuseppe Avolio Ð Nome in codice "Viktor"
1. Giuseppe AVOLIO, nato nel 1924, faceva parte della dirigenza del Partito Socialista Italiano. Era anche Direttore del quotidiano "Mondo Nuovo" e Deputato al Parlamento italiano dalla città di Napoli.
2. AVOLIO è stato coltivato dalla Residentura di Roma dal 1961 al 1965. Il suo nome in codice era "VIKTOR". AVOLIO è stato utile per porre in essere misure attive, ma si è rifiutato di appofondire il rapporto con il KGB.

SEGRETISSIMO*

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 48

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Joachino De Feo - Rappresentante di una società a Mosca

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Joachino De Feo - Rappresentante di una società a Mosca

Joachino DE FEO era il rappresentante della società italiana "Coe I Clerici" a Mosca. Nel 1973-1974 gli organi di sicurezza sovietici erano in contatto con lui, ma la collaborazione con DE FEO è stata successivamente abbandonata perché le prospettive di utilizzarlo per informazioni scientifiche e tecniche erano scarse. DE FEO è stato espulso dall'Unione Sovietica per aver preso contatti non autorizzati con cittadini sovietici.

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 49

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Corrado Macioni - Nome in codice "Mansentsio"

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento: &endash;

 

Corrado Macioni - Nome in codice "Mansentsio"

1. Korado MACHIONI (fonetico - traslitterazione Corrado MACIONI) nato nel 1913 a Magerat (Macerata), era un italiano che viveva a Roma. Era capo-messaggero del direttorato politico generale e del Dipartimento NATO del Ministero degli Esteri italiano. MACIONI era un agente dell'Informazione bulgara e il suo nome in codice era "MANSENTSIO". Era destinato ad essere utilizzato per collocare apparecchi per l'ascolto nelle strutture del Ministero degli Esteri, sia nei singoli uffici che nella sala conferenze del Dipartimento NATO. Apparecchi per l'ascolto dovevano essere collocati anche nelle stanze della villa di Ginevra che era occupata dalla delegazione italiana presente alla conferenza della CSCE sul disarmo.

2. MACIONI è risultato essere una trappola degli italiani che si sono traditi nella fretta di esibire un filmato.

 

SEGRETISSIMO*

 

 

Fonte sensibile

Rapporto Impedian numero 50

 

Data di emissione: 7 aprile 1995

 

Oggetto: Reclutamento del diplomatico italiano "Plemyannik" da parte dell'agente informativo bulgaro Zlatanov.

 

Fonte: Ex agente del KGB di provata attendibilità, con accesso diretto ma parziale.

 

Data delle informazioni: aggiornate al 1984.

 

AVVERTENZA: Si prega di notare che questa fonte è sensibile. Il materiale Impedian dovrebbe essere conservato e visionato soltanto da personale indottrinato.

Non dovranno essere intraprese azioni sulla base di questo rapporto, o discussione/diffusione di materiale Impedian fuori dal vostro servizio, senza previo consenso dell'originatore.

 

Commento:

1. ZLATANOV si identifica con Dimitur Cristov ZLATANOV, nato l'1 aprile 1923, che ha prestato servizio presso l'ambasciata bulgara di Roma (1955-1961), Atene (1964-1967) e di nuovo a Roma (1973-1976).

2. Vi saremmo grati se ci informaste a tempo debito se siete riusciti ad identificare " PLEMYANNIK" e "DOBRIN".

 

Reclutamento del diplomatico italiano "Plemyannik" da parte dell'agente informativo bulgaro Zlatanov.

1. ZLATANOV, direttore del Dipartimento di Informazione bulgara ed ex residente di Roma, si trovava al Cairo per lavoro dal 7 al 14 marzo 1977. Il suo compito era quello di reclutare "PLEMYANNIK" ("Nipote"), un funzionario del Ministero degli Esteri che era addetto alla cifra presso l'ambasciata italiana del Cairo.

2. "DOBRIN" è arrivato al Cairo contemporaneamente a ZLATANOV. "DOBRIN" era un agente bulgaro ed ex corriere diplomatico del Ministero degli Esteri italiano. Al momento era andato in pensione. La moglie di "DOBRIN" e la madre di "PLEMYANNIK" erano sorelle. "DOBRIN" lavorava su "PLEMYANNIK" per convincerlo a collaborare con l'Informazione sovietica. "DOBRIN" ci è riuscito e "PLEMYANNIK" ha deciso di collaborare. Per garantire la sicurezza dell'operazione di reclutamento, durante gli incontri sono state utilizzate delle apparecchiature di controllo radio.

 

Commento del servizio

La fonte non conosceva l'identità di "PLEMYANNIK" o "DOBRIN".

 

SEGRETISSIMO*